Abruzzo.com -  i migliori prodotti tipici abruzzesi - la migliore eno gastronomia in Abruzzo
Abruzzolink - esplora l'Abruzzo con gli abruzzesi
 :: ITALIA :: Home > ArtigianatoCampanelle - Ceramiche Bontempo

Campanelle - Ceramiche Bontempo

ConfezionePrezzo [€]
(iva inclusa)
Q.ta'
  decori fiori e animali h8 1 cfz 13,00€
  decori fiori e animali h10 1 cfz 16,00€
  decori fiori e animali h12 1 cfz 22,00€
  decoro paesaggio e speciali h8 1 cfz 16,00€
  decoro paesaggio e speciali h10 1 cfz 25,00€
  decoro paesaggio e speciali h12 1 cfz 32,00€
separatore
 |  | Visualizza | Aiuto |  
In Abruzzo la tradizione piu' nota legata alle campanelle e' quella di Lanciano. Prodotte dagli artigiani locali e decorate in vario modo, vengono acquistate come dono per amici o persone care. Anticamente, campanelle e cestini di vimini erano una sorta di pegno d'amore tra fidanzati: la ragazza portava in dono una campanella al suo promesso, che ricambiava con un cestino di vimini in cui riporla.

Le campanelle decorate da Bontempo sono un dono prezioso, simbolo di buona fortuna, per chi lo riceve ed una idea originale per decorare la tavola.

Sono disponibili in tre formati altezza: 8cm, 10cm, 12cm. e con decori diversi.

Inoltre e' possibile richiedere il decoro da selezionare tra quelli presenti nel catalogo. La richiesta del decoro vi sara' richiesta via email in fase di conferma d'ordine.


La storia dei Bontempo affonda le proprie radici nelle antiche botteghe di ceramica di Rapino;

Tra i molti centri ceramici abruzzesi attivi nell'ottocento, Rapino si distingue per il legame speciale che lo lega a Castelli. Fu infatti Fabio Cappelletti, discendente dei famosi maiolicari di Castelli, ad introdurre i moduli castellani a Rapino, quando, nella prima meta' dell'800, proveniente da Torre de' Passeri, egli vi si trasferi' per lavorarvi la ceramica.

Gli artigiani locali impararono presto la lezione di Cappelletti attraverso gli oggetti che uscivano dalle sue mani. In tal modo la ceramica locale amplio' il proprio repertorio decorativo. A Rapino si lavoro' moltissimo di spugnetta per la stampigliatura di una vasta varieta' di decori che venivano applicati nelle tese e nel centro di piatti e di altri oggetti.

Tra i decori di repertorio: anellini di vari colori, reticoli policromatici, uccellini posati su piccoli tralci, cestelli con composizioni floreali, paesaggi con case rustiche, torri e chiese incorniciate da alberi fronzuti svettanti in un cielo solcato da rapidi voli di uccelli.

Decoro caro ai Rapinesi fu inoltre, insieme a S. Rocco, il gallo, che interpretarono sempre con un rilevante gusto cromatico e con grande vivacita' di atteggiamento. Da ricordare che Rapino ha sempre conservato fra i suoi motivi tradizionali il fioraccio castellano, presentato in una composizione piu' serrata di quella originale e di piu' accesa e vibrante policromia.

Tra le molte botteghe esistenti in passato a Rapino l'unica ancora attiva e' quella dei Bontempo che oggi ha i suoi forni a Francavilla al Mare.

Ancora oggi la bottega, grazie al Maestro Amato Bontempo, continua ad operare nel segno distintivo dell'eccellenza, indirizzando la produzione nel solco della tradizione familiare dove, accanto a nuove forme di decoro, conserva e privilegia quelli dell'antica ceramica rapinese: il fioraccio, il gallo, uccelli e tronchi, uccellino e rete, la rosaspinosa, il paesaggio in monocromo blu e il cosiddetto tombolino. Quest'ultima riconosciuta come una delle piu' elaborate e felici composizioni pittoriche mai eseguite a piccolo paese su maiolica, dove per l'appunto il paesaggio dominante sui fondi si alterna sulle tese e sui bordi partiti a quartiere a mazzetti di fiori di fattura ispirata al classico fioraccio.

Fra i nuovi motivi decorativi creati da Amato ricordiamo i due galletti che si riallaccia idealmente a quello tradizionale del gallo.

La tradizione del dono di uova e' documentata gia' fra gli antichi Persiani, dove era diffusa la tradizione dello scambio di uova all'avvento della stagione primaverile.Gia' allora le uova venivano rudimentalmente decorate a mano.

Il Cristianesimo riprese le tradizioni che vedevano nell'uovo un simbolo della vita, rielaborandole nella nuova prospettiva del Cristo risorto. Come l'uovo assomiglia a un sasso e appare privo di vita, cosi' il sepolcro di pietra nel quale e' sepolto Gesu' contiene una nuova vita pronta a sbocciare da cio' che sembrava morto. E l'uovo diventa quindi un simbolo di risurrezione.

Nel Medioevo prese piede la tradizione di creare uova artificiali fabbricate o rivestite in materiali preziosi quali argento, platino ed oro. Le uova erano destinate agli aristocratici e ad i nobili. Edoardo I, re d'Inghilterra dal 1272 al 1307, commissiono' la creazione di circa 450 uova rivestite d'oro da donare in occasione della Pasqua.

Note:

Disponibile in 3-5 giorni lavorativi. Per decori speciali disponibile generalmente in 10-15 giorni lavorativi.


 CIRCOLO ABRUZZO
  Personaggi famosi     Itinerari in Abruzzo  
  Ricette regionali     Paesi d'Abruzzo  
  Olio d'Abruzzo     Blog Abruzzo.com  
Abruzzo.com utilizza il sistema di pagamento gestpay di BancaSella, accetta Paypal, contrassegno e bonifico bancario
CHI SIAMO CONDIZIONI DI VENDITA NEWS ADV EMAIL PROPONICI I TUOI PRODOTTI

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su INFORMATIVA ESTESA.Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Per favore leggete le informative relative alle nostre politiche su:
reclami | privacy | certificazioni e qualita'
©Copyright abruzzo.com srl

Abruzzo.com srl - PIVA 01632720684