Abruzzo.com -  i migliori prodotti tipici abruzzesi - la migliore eno gastronomia in Abruzzo
 :: ITALIA :: Home > VinoTestarossa Rosato - Terre Aquilane IGP - Azienda Agricola Pasetti

Testarossa Rosato - Terre Aquilane IGP - Azienda Agricola Pasetti

ConfezionePrezzo [€]
(iva inclusa)
Q.ta'
  Testarossa Rosato - Terre Aquilane IGP - 100% Montepulciano d'Abruzzo 6 bottiglie 0,75l 1 cfz 58,00€
separatore
 |  | Visualizza | Aiuto |  
La storia della cantina Pasetti fonda le proprie radici in epoca borbonica quando, il visionario trisavolo di Mimmo, Silvestro Pasetti compro' parecchi tomoli di terra dal Marchese Farina cominciando a impiantare vigneti. Suo figlio Rocco continuo' a lavorare al sogno di suo padre non dandosi mai per vinto neanche quando si trovo' ad affrontare e a sconfiggere il flagello della fillossera.

E certamente se, di ritorno dalla guerra, non fosse saltato su una mina antiuomo proprio in quelle vigne che tanto amava, avrebbe appoggiato fortemente la coraggiosa scelta di Franco, il primo dei suoi quattro figli, di iniziare a vinificare. Intorno agli anni sessanta, il suocero di Franco, Miuccio, proprietario di un'osteria sul lungofiume di Pescara e commerciante di vini dentro e fuori regione, lo spinge a iniziare la vinificazione in proprio. Gli esiti della vinificazione danno risultati piu' che positivi fin dagli inizi sebbene in quegli anni in Abruzzo, come del resto in gran parte del Sud Italia, vigesse ancora la regola non scritta che il vino bisognava farlo come si era sempre fatto, ottenendo risultati buoni ma poco raffinati.

Tenendo d'occhio la qualita' pur mantenendo basso il prezzo, Franco riesce a farsi un nome e a far crescere la clientela e il fatturato. Eppure, egli resta un uomo dei campi, sa come sussurrare alle viti e ottenere da loro uve pregiate ma sente di avere ancora molto lavoro da fare in cantina per ottenere un prodotto superiore, da imbottigliare e da lanciare su un mercato piu' ampio. Sara' suo figlio, Mimmo ormai avviato agli studi di enologia a dargli la spinta per osare, a poco piu' di vent'anni dalla nascita della cantina, e imbottigliare il suo Montepulciano.

Lo fara' per celebrare la nascita della sua prima nipote Francesca, la figlia di Mimmo, una bambina dai capelli rossi proprio come quelli della bellissima madre di Franco, Rachele. In onore di queste due donne, che rappresentavano il suo passato e il suo futuro, decide di chiamare il vino Testarossa, un nome che oggi e' simbolo e garanzia dell'eccellenza dei prodotti Pasetti.

L'erede di Franco, Mimmo, l'uomo che oggi porta avanti l'azienda, ha ereditato dal padre, modello costante e indiscussa fonte d'insegnamento, la riservatezza della gente d'altri tempi e l'amore viscerale per la sua terra. Pero', pur conservando gelosamente il patrimonio di un territorio tradizionalmente poco incline a infiltrazioni esterne, forse anche a causa della conformazione geografica che lo caratterizza, Mimmo e' un visionario. E questa sua visione lo spingera' ad acquistare i primi terreni nella zona pedemontana di Pescosansonesco, nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

E' cosi' che gli inizi del nuovo millennio saranno anche quelli che vedono il sogno di Mimmo avverarsi. Sui nuovi terreni vi sono vigneti vecchi di quarantacinque anni in stato di semi abbandono, che vengono alacremente potati, legati, ripuliti con la caparbia certezza di chi sa che la natura sapra' essere riconoscente e infatti, in primavera, compaiono gia' quelle prime gemme che non tarderanno a dare i frutti sperati.

Dal 2000 questa vecchia vigna regala il vino di punta dell'azienda, l'Harimann, un vino rosso, setoso, imponente e raffinato insieme, dai tannini morbidi e suadenti, che porta il nome degli Harimanni, i soldati del nord che, in epoca medioevale, si stabilizzarono in Abruzzo. Uomini forti, coraggiosi, guerrieri. Come Mimmo. Le grandi escursioni termiche, la costante presenza del vento e il terreno ricco di diversita', che spaziano da composizioni argilloso-calcaree, a quelle ricche di scheletro e sottosuolo roccioso, sono fra le caratteristiche piu' apprezzate di questa zona soprattutto per un vignaiolo che ne intuisca le potenzialita'.

Una risorsa evidentemente irrinunciabile cui Mimmo decide di dedicare tutto se stesso passando dalla costa alla zona pedemontana avviando un processo di riconversione di tutti i vigneti costieri la cui gestione non garantiva piu' la qualita' del prodotto desiderato e acquistando terreni anche nelle zone di Castiglione a Casauria e Capestrano.

Tutti i vini prodotti oggi nascono dunque alle pendici dei monti della Laga e nel Parco Nazionale d'Abruzzo e rispecchiano la volonta' aziendale di restare saldamente legati al territorio anche dal punto di vista delle uve coltivate. I vini dell'azienda sono, infatti, tutti prodotti con vitigni autoctoni, Montepulciano d'Abruzzo per l'Harimann e il Testarossa rosso, Trebbiano d'Abruzzo, Pecorino e Passerina per i bianchi e Moscatello di Castiglione per il Gesmino, uno straordinario passito ottenuto dal reimpianto di un vitigno quasi perduto.

In un'epoca in cui la maggior parte dei viticultori ha impiantato vitigni internazionali come Cabernet, Merlot e Chardonnay, Mimmo ha puntato e investito sui vitigni che invece meglio si sposano con il territorio addirittura recuperandone alcuni la cui produzione era quasi scomparsa come il Pecorino, vincendo una scommessa importante che ha regalato un respiro piu' ampio e una nuova opportunita' a tutta l'enologia abruzzese.

Mimmo, pur essendo un uomo riservato e amante della solitudine, e' presidente regionale della Coldiretti, e del CAI perche' il suo entusiasmo per la produzione vinicola non e' solo riservato alla propria azienda ma anche alle trentamila aziende agricole presenti in Abruzzo, un piccolo esercito di imprenditori che, se organizzati a dovere, potrebbe davvero cominciare a fare la differenza sul mercato del vino non solo nazionale ma anche su quello internazionale.

Oggi Mimmo e sua moglie Laura una donna energica e dal grande intuito commerciale, gestiscono l'azienda insieme ai loro tre figli che si sono divisi in compiti e seguono rami imprescindibili e pur diversissimi: Francesca Rachele gestisce la parte amministrativa ed economica, Massimo l'export e la visibilita' internazionale mentre Davide, che e' enologo, si occupa piu' nello specifico della produzione dei vini.

TESTAROSSA ROSATO

Zona di Produzione

I vigneti si estendono nel Comune di Capestrano ai piedi del massiccio centrale Gran Sasso sui monti della laga a 400 m s.l.m. La famiglia Pasetti fa il suo primo impianto nel 2004, in questo territorio, caratterizzato da forti escursioni termiche, ricco di storia e di analoga bellezza. Sulla sorgente di Capo d'Acqua si estendono i nostri vigneti. L'eta' media e' di circa 5 - 7 anni. L'esposizione e' Sud-Ovest. La storia vuole che i primi insediamenti delle popolazioni sul Tirino risalgono al V secolo A.C. durante le invasioni dei saraceni. Essi inseguiti si spostarono sulle rocche. Il ritrovamento del famoso Guerriero di Capestrano nel 1937 (una delle piu' famose sculture picene) ne testimonia le numerose battaglie. Storia del Vino

Il rosato Testarossa viene ottenuto dalla pigiatura delle uve Montepulciano d'Abruzzo con una resa di 100 - 110 quintali per ettaro. Le uve, raccolte generalmente, entro la terza decade di ottobre, vengono pigiate e criomacerate per 18 ore ad una temperatura di 6 gradi. Frementazione a temperatura controllata tra i 10gradiC e i 13gradiC in serbatoio inox, a fine fermentazione decantato a freddo, imbottigliato e messo al consumo entro febbraio successivo alla vendemmia.

Caratteri Organolettici

Di colore rosa cerasuolo brillante, il suo fine bouquet si apre con aromi di ciliegia, ribes e frutti di bosco. Al palato, un impatto di spiccata mineralita' e acidita' accompagnano un finale di fragola e rosa canina.

Abbinamenti Gastronomici

Ottimo come aperitivo con gli stuzzichini, si presta a molteplici abbinamenti che vanno dalla pizza al baccala', dagli antipasti di pesce dell'adriatico ai salumi, dai primi piatti con salsa di pomodoro agli arrosti, si sposa bene anche con formaggi delicati.

E' possibile visitare l'azienda contattando Francesco e prenotando l'esperienza Capestrano: Borgo di Santi e di Guerrieri. alla scoperta di Capestrano e del suo territorio.

Note:

Il prodotto viene spedito direttamente dal produttore.


 CIRCOLO ABRUZZO
  Personaggi famosi     Itinerari in Abruzzo  
  Ricette regionali     Paesi d'Abruzzo  
  Olio d'Abruzzo     Blog Abruzzo.com  
Abruzzo.com accetta Paypal, contrassegno e bonifico bancario
CHI SIAMO CONDIZIONI DI VENDITA NEWS ADV EMAIL PROPONICI I TUOI PRODOTTI

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca su INFORMATIVA ESTESA.Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Per favore leggete le informative relative alle nostre politiche su:
reclami | privacy | certificazioni e qualita'
©Copyright abruzzo.com srl

Abruzzo.com srl - PIVA 01632720684